scegli la lingua

PRENOTAZIONI
Data di Arrivo
Musica e tradizione

La musica popolare (musica scritta con il linguaggio del popolo e pensata per il popolo) tende ad essere strettamente legata (in alcuni casi in modo inseparabile) ad almeno due altri aspetti culturali di natura regionale: gli strumenti musicali con cui è eseguita e i balli che eventualmente la accompagnano.

Nella tradizione della musica popolare napoletana, si identificano una serie di strumenti musicali che accompagnano la canzone popolare partenopea. La tradizione vuole una minifattura rigorosamente artigianale.

TAMMORRA
E' un’ampio tamburo corredato di vibranti piattelli, metallici o di latta, (detti cicere o cimbale) posti a coppie, in delle fessure ricavate sul telaio circolare di legno, in genere quello dei setacci per la farina. La superficie che viene colpita per ricavarne il suono, ritmicamente con le dita o il palmo di una mano, è di pelle di ovino. Cosicché, una mano colpisce il tamburo e l'altra agita lo strumento per far vibrare di più i piattelli. Questo strumento presenta anche una sua versione più ridotta: il tammurriello, che oltre ad essere di dimensioni più piccole, ha i cembali di ottone e non di latta.

TRICCHEBALLACCHE
Rigorosamente in legno, si compone di tre martelletti e due telai: i martelletti sono paralleli fra loro, mentre i due telai, sono perpendicolari rispetto ai martelletti. Il telaio posto nella parte inferiore unisce i tre martelletti, il secondo telaio posto più in alto permette ai due martelletti  esterni di avere un'escursione, governando al contempo il gioco massimo che gli stessi possono avere.
I due martelletti esterni battendo contro il martello centrale, che rimane fisso, producono il suono proprio dello strumento. I martelli hanno sonagli e campanellini, per fare in modo che ad ogni battito del martelletto aumenti il clangore dello strumento, producendo un suono percussivo, simile al suono del tamburello.

CASTAGNETTE
Si presentano come la versione povera e popolaresca delle più nobili nacchere spagnole. Infatti, la somiglianza con le più celebri sorelle iberiche è abbastanza evidente, sia nella loro forma che nei suoni che emettono. Le castagnette sono due piccole e cave semisfere di legno intagliato (ma, un tempo, anche di osso anch'esso ugualmente lavorato), legate a coppia con una fettuccia che è inforcata dal dito medio. Questi strumenti vengono azionati schiacciandoli ritmicamente contro il palmo della mano. Urtandosi fra di loro, riescono a produrre un suono secco e schioppettante, atto ad accompagnare, quasi sempre, i passi delle danze popolari quali tarantella, saltarello ed altri.

SCETAVAJASSE
Per il modo con cui è suonato, fa pensare ad una sorta di violino, sebbene non abbia corde o cassa armonica. Lo scetavajasse è sostanzialmente formato da due aste di legno di cui una fornita di ampi denti ricavati per incisione lungo tutta la faccia superiore. Inoltre, presenta numerosi piattelli metallici infissi con chiodini lungo le facce laterali.
L’altra asta, usata dal suonatore a mo’ di archetto, viene fatta scorrere contro i denti della prima che invece viene tenuta poggiata contro la clavicola per ottenerne un suono stridente. I piattelli, vibrando ritmicamente emettono il tipico, onomatopeico "nfrunfrù". Si accompagna generalmente ad altri strumenti quali il putipù e il triccheballacche. Lo strepitio dello strumento ha, praticamente, conferito ad esso il nome di "scetavajasse" che ad litteram sarebbe "desta fantesche". Potenza del dialetto!


PUTIPU'
Detto anche "caccavella", "cute-cute" o "cupa-cupa". In origine era formato essenzialmente da una pentola di coccio, non eccessivamente alta, ma di ampia imboccatura sulla quale era distesa una pelle d’ovino, pelle che, debordando dalla bocca, era fermata con stretti giri di spago, in modo tale da farla opportunamente tendere. Successivamente, un barattolo metallico è stato usato come cassa armonica .
Al centro della pelle, in un piccolo foro, è infissa verticalmente un'asticella cilindrica che, soffregata dall’alto verso il basso e viceversa, con una pezzuola o una spugnetta bagnate, permette di trasmettere le vibrazioni alla pelle. Quest'ultima, ben tesa, fa da cassa di risonanza e se ne ottiene il caratteristico suono "put-pù,put-pù", vagamente somigliante a quello prodotto dal contrabbasso: suono che, per via onomatopeica, conduce al putipù.




Altri e più congrui strumenti contribuiscono comunque a rendere gradevole un'orchestrina tipicamente napoletana; tra essi: il MANDOLINO, strumento notissimo il cui nome è il diminutivo di mandòla ed è uno strumento a corde simile al liuto; la CHITARRA; la CIARAMELLA, che è una sorta di piffero, uno strumento a fiato ad ancia piccola e stretta usato come voce solista; l'ORGANETTO, che è l’organetto, una versione povera del bandeon o bandoneon argentino, una specie di fisarmonica.


La città canora per eccellenza, d'altronde, non poteva che presentare una sfilza di stumenti musicali, dai nomi sicuramente divertenti e che, da soli, sembrano disegnare il suono che emettono.


Newsletter

Tieniti informato sulle ultime novità e promozioni dell'Hotel Mediterraneo.
Renaissance Naples Hotel Mediterraneo
Via Ponte di Tappia 25 - IT 80133 Napoli
t. +39 081 7970001
info@mediterraneonapoli.com
P.IVA 04691951216
Contatti Lavora con noi Foto Video Newsletter Area Media Privacy Dati societari GDS codes