scegli la lingua

PRENOTAZIONI
Data di Arrivo
Il coccodrillo e le prigioni del Castel Nuovo

I sotteranei segreti di Castel Nuovo (Maschio Angioino) hanno dato origine ad una delle leggende napoletane che hanno accompagnato nei secoli la storia del castello: "la cella del coccodrillo".

Il Maschio Angioino ha due locali sotterranei adibiti a prigioni: uno si chiamava la "prigione della congiura dei Baroni", l'altro "fossa del miglio"; quest'ultima, era la più temuta in quanto, una volta condannati a finirvi dentro, si era destinati a morire senza possibilità di scampo. In realtà non era una cella vera e propria ma una profonda buca nella quale si veniva gettati attraverso una botola segreta. I prigionieri ivi rinchiusi scomparivano all'improvviso e fu dunque predisposta ad un controllo; fu allora che si venne a conoscenza della presenza di un coccodrillo che, entrando da un'apertura nella parete, azzannava e trascinava a mare le vittime.

Ricordando che pur sempre di leggenda si tratta, i personaggi che finivano scaraventati nella spaventosa fossa del coccodrillo, erano, naturalmente, i condannati a morte che dovevano essere sbrigativamente giustiziati risparmiando inoltre di essere seppelliti. 
Ma, erano destinati anche, e qui incontriamo un’altra leggenda popolare legata al castello, uomini e giovani, nobili e plebei, che prima la regina Giovanna d’Angiò e poi la regina Giovanna di Durazzo sceglievano come amanti.


Newsletter

Tieniti informato sulle ultime novità e promozioni dell'Hotel Mediterraneo.
Renaissance Naples Hotel Mediterraneo
Via Ponte di Tappia 25 - IT 80133 Napoli
t. +39 081 7970001
info@mediterraneonapoli.com
P.IVA 04691951216
Contatti Lavora con noi Foto Video Newsletter Area Media Privacy Dati societari GDS codes